ALIENAZIONE GENITORIALE

A CHI CI RIVOLGIAMO

Attraverso il nostro approccio riteniamo sia possibile entrare in contatto con tutti coloro che attualmente non trovano soddisfazione ai loro bisogni trasformativi profondi, di cui, nella maggior parte dei casi, neanche sono consapevoli.

In quest’ottica si sviluppa il nostro lavoro:

  • per la prevenzione e il trattamento del gioco d’azzardo patologico (GAP o gambling);
  • per la fase di esordio delle dipendenze;
  • per le nuove dipendenze comportamentali (es. gaming, Internet, shopping compulsivo etc.);
  • per la conflittualità di coppia attraverso la quale i partner si contrappongono alle loro istanze di separazione;
  • per la violenza agita e subita da adulti e minori che contribuiscono, da un lato alla costellazione inevitabile di eventi mortiferi e dall’altra alla stabilizzazione di relazioni disfunzionali tra vittime e carnefici;
  • per la alienazione genitoriale, in particolare dei padri separati che , al di là delle difficoltà di contesto socio-culturale, ignorando la dimensione inconscia (prevalentemente sottovalutata negli approcci “strategici”) si precludono ogni possibilità di comprensione e di trasformazione personale consegnandosi alla propria autodistruttività e a quella degli altri nei loro confronti.
  • per l’alienazione lavorativa che affligge sia chi svolge un lavoro insoddisfacente, spesso all’interno di schemi organizzativi e relazionali aziendali iatrogeni sia chi, pur svolgendo un lavoro in sé gratificante, ne derivi quote di stress o fenomeni di indurimento affettivo (burning-out) tali da compromettere non solo la prestazione lavorativa ma anche in generale la vita privata conducendo spesso a dipendenze, conflittualità familiare, condotte.

Adottiamo in altri termini un punto di vista che risponde a bisogni spesso insoddisfatti e si rivolge a un target specifico caratterizzando la nostra offerta e distinguendo la nostra competenza nel panorama delle Agenzie di Promozione Sociale nel senso di puntare sulla ricostruzione delle motivazioni inconsce che alimentano i comportamenti disfunzionali in tutte le situazioni suddette.

A tal fine utilizziamo due sedi e contesti di lavoro: il Consultorio Familiare e per Adolescenti di via Vittorio Montiglio, 18 (parrocchia Gesù Divino Maestro) e il Centro Clinico di via Salvatore D’Amelio, 24

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.

Ok